Blog

Resta in contatto con noi

La storia de ‘La Torre di Castel Rocchero' inizia nel 1953, quando un gruppo di abitanti della zona decisero di investire in questo progetto.

Da cosa erano animati? Come recita la pergamena commemorativa della prima vendemmia, “da un’unica fede nella collaborazione degli spiriti liberi per una maggiore valorizzazione del nostro vino, sinonimo del miglioramento dell’economia familiare e sociale”.

La Torre

latorre vinaria

Fin da subito, il loro obiettivo era puntare in alto. Per questo fu costruita una torre vinaria di cinque piani, al centro del territorio del comune, dove i soci avrebbero fatto confluire le loro uve per la produzione dei migliori vini della zona. Terminata nel 1956 su progetto dell’enotecnico Emilio Sernagiotto, è una delle ultime tre torri vinarie ancora esistenti in Italia. La sua forma particolare e la sua ampia capacità la rendono luogo ideale per contenere il vino durante l’anno, mantenendo la temperatura costante e con uno svuotamento delle vasche realizzato solo grazie alla forza di gravità.

La prima vendemmia della cantina La Torre si svolse nel 1956 e da allora si continua ancora oggi a diffondere i vini di questa prestigiosa cantina, arrivando fino alle tavole americane.

Sono parte di della produzione vini come: Barbera, Dolcetto, Grignolino, Cortese, Chardonnay, Moscato e Brachetto.

Il castello sulla rocca

Castel Rocchero, costruito sulla rocca, sin dai tempi più antichi ha controllato e difeso il suo territorio insieme a tutti i vigneti e i suoi raccolti.
Da maggio 2014, il suo prestigio e la sua eccellenza sono stati riconosciuti a livello mondiale con l’entrata di queste colline nella zona a protezione dei 6 siti originali appartenenti al Patrimonio Mondiale dell’Umanità Unesco.


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.