Blog

Resta in contatto con noi

Il termine ancestrale evoca ricordi lontani, conoscenze ataviche che provengono dalla notte dei tempi. Come spesso succede con il passare degli anni, sistemi e metodologie vengono adattati al nuovo corso degli eventi, salvo riscoprirne i valori più in là nel tempo. Quando la forza delle correnti di pensiero, le mode e i bisogni del cliente mutano e perdono l’irruenza che le aveva generate.

I vini non sono immuni da questo momento e il metodo ancestrale ne è un esempio. Di cosa si tratta? Di una riscoperta di metodi antichi che l’evoluzione tecnologica aveva marchiato come obsoleti e abbandonato. L’arte del sapere, però, poggia le sue basi sulla raccolta delle informazioni che sono rimaste ad aspettare nel cassetto finché alcuni produttori hanno pensato che la singolarità del prodotto e la sua unicità potevano nascondersi proprio in quello che avevano sotto il naso.

Origini e curiosità


Il metodo ancestrale è legato storicamente alla regione francese della Champagne ma le teorie più recenti fanno risalire le origini di questa tecnica di vinificazione a tempi più remoti, nella regione dell’Aoc Blanquette di Limoux, sempre in Francia.

Si hanno notizie certe della presenza dello spumante in questa regione a partire dal 1531 grazie i monaci dell’Abbazia di Saint-Hilaire, quelli che oggi definiremmo i "guru" della produzione.

201907 bollicine

Tecniche di realizzazione

Il metodo parte da una leggera pressatura che serve per creare il substrato ideale per i lieviti indigeni. Il mosto viene introdotto in vasi vinari di acciaio inox per la fermentazione, che avviene rigorosamente in presenza di temperature controllate, utilizzando acque di sorgente e pozzi.

Successivamente la fermentazione subisce un rallentamento e poi il blocco, quando il tenore di zuccheri raggiunge una soglia prestabilita. Questo permetterà la ripresa della fermentazione post imbottigliamento. Non verranno aggiunti lieviti o zuccheri, né verrà eseguita alcuna sboccatura.

I vini che ne derivano sono caratterizzati da una leggera spuma, contengono residui (il cosiddetto "fondo") e presentano una maggiore complessità organolettica che è base di sentori primari e secondari, fra cui spicca quello di crosta di pane.

Si tratta quindi di un prodotto unico, dove l’unicità è rappresentata dalla bottiglia: infatti difficilmente una bottiglia avrà lo stesso sapore di un’altra, proprio perché prodotto mutevole, in continua evoluzione.


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.