Blog

Resta in contatto con noi

I vini vegani e quelli biologici sono due prodotti ad anima green, aspetto che tanto appassiona i consumatori di oggi. La ricerca della qualità di cibi e bevande passa (anche) attraverso il minimalismo delle colture che sono all’origine delle materie prime. Con questo termine si intende l’utilizzo di minime quantità di determinate sostanze e/o prodotti e la completa assenza di altri, per quanto riguarda sia le cure colturali, sia i processi di trasformazione e lavorazione della materia prima.

Il consumatore si è evoluto insieme ai tempi e oggi è più esigente e attento alle caratteristiche del prodotto. Le statistiche parlano di un aumento del movimento vino bio di poco inferiore al 300% nel periodo 2004-2015. È tanto, anche considerando i bassi volumi di partenza.

Vino biologico:

Ma cosa significa vino biologico? Tutto comincia a monte, dalla cura del vigneto che deve offrire un’uva biologica. Per raggiungere questo obiettivo, si utilizzano esclusivamente fitosanitari di origine naturale e concimi innocui che si integrano a pratiche di coltivazione alternative. Quindi non vengono utilizzati OGM, né pesticidi.

Il rispetto dei disciplinari di produzione viene attestato da organismi di controllo esterno che rilasciano la relativa certificazione. Purtroppo, però, la facoltà di ricorrere alle autocertificazioni e la dispersione dei vari enti rendono il discorso "bio" una questione complessa, dalle caratteristiche non sempre chiare ed evidenti.

201907 vinovegano

Vino vegano:

Il vino vegano, come suggerisce il nome, viene prodotto senza la presenza di sostanze di origine animale al suo interno. Inoltre, anche i processi produttivi escludono la presenza di sostanze che abbiano un’origine animale.

Per dovere di cronaca è bene precisare che, a parte quanto detto poco fa, questo vino è del tutto simile a quello prodotto con metodi tradizionali. Come quello biologico, anche il vino vegano mantiene sapore, grado alcolico, gusto e aspetto del vino tradizionale.

Il termine vegano non deve fuorviare: questo vino è sì prodotto con una tecnica particolare, ma questo non ne fa una bevanda destinata a pochi eletti. Al contrario, è un vino che si adatta a qualunque regime alimentare, poiché a seconda del vitigno può possedere molta struttura oppure essere amabile.

A differenza di quello biologico, il vino vegano non ha ancora una normativa dedicata che ne disciplini la produzione, ma sono operativi diversi enti di certificazione in grado di attestare il rispetto delle linee guida che regolano la produzione da parte del produttore. Un passo necessario per garantire la veridicità del prodotto al consumatore.


Questo sito fa uso di cookie. Utilizziamo sia cookies tecnici sia cookies di parti terze. Può conoscere i dettagli consultando la nostra informativa della privacy policy.
Premendo OK prosegui nella navigazione accettando l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.