Quale vino abbinare ai nostri menù delle feste? Ecco qualche semplice suggerimento che potrà aiutarvi nel trovare l’abbinamento perfetto per i vostri piatti natalizi.

Gli antipasti: protagonisti a Natale, meritano un vino di qualità

Gli antipasti rivestono un ruolo speciale sia alla Vigilia che nel pranzo di Natale, in quanto spetta loro il non facile compito di introdurre il resto del menu. In tutta Italia pesce e crostacei trovano spazio in diverse preparazioni della Vigilia, sposandosi ottimamente con un Prosecco. Quest’ultimo non ha problemi nell’abbinarsi anche a stuzzicanti proposte a base di verdure, o a formaggi non eccessivamente stagionati. Il giorno di Natale sono più diffusi gli antipasti di terra. Ti consigliamo di accompagnare formaggi e salumi con un Chianti Classico, vino rosso che stimolerà l’appetito senza risultare troppo corposo.

Che vino abbinare ai primi piatti di Natale

I tortellini in brodo sono una presenza immancabile nei menu natalizi delle Regioni del Nord Italia. Ne esalterai il sapore abbinandoli a un vino bianco morbido e fermo. In alternativa, potrai scegliere di portare in tavola, per contrasto, un Lambrusco emiliano o una Bonarda. Un bel piatto di cannelloni al sugo, sempre apprezzato durante le feste, richiederebbe un vino rosso più corposo, e dotato di media acidità. Con ragù di selvaggina via libera a Nero d’Avola, Primitivo di Manduria e Barbera. Hai intenzione di proporre agli ospiti un primo di pesce? Ecco entrare in gioco i vini bianchi profumati, dal Fiano al Verdicchio di Jesi, fino all’Arneis e alla Falanghina. Un risotto con gamberi o scampi si sposa a meraviglia con un Vermentino di Sardegna, dalle spiccate componenti fruttate e dall’eccellente persistenza aromatica. Gli spaghetti alle vongole suggeriscono un abbinamento con lo chardonnay francese.

I secondi: i vini migliori per carne e pesce

Con dei secondi di selvaggina è possibile salire di corpo, optando per un vino profumato come il Montepulciano d’Abruzzo. Se la scelta è ricaduta su piatti di pesce è imperativo ricercare un abbinamento aromatico. I crostacei, in particolare, possono essere affiancati a un Muller Thurgau. Sono previsti calamari ripieni? Un Pinot Bianco, grazie alla sua freschezza, saprà accontentare tutti. E con il classico baccalà al forno con patate? Il Malvasia bianca o il Marino DOC, pastoso, fruttato e persistente.

Concludere il pasto con dolcezza

Un pranzo di Natale non può che concludersi con pandoro e panettone, accompagnati da uno spumante o da un Moscato d’Asti. Una crostata alla crema pasticcera, o alla frutta, troverà compimento in un passito di vino bianco. Sempre un passito, ma di vino rosso, sarà il giusto compendio a una torta al cacao. E per digerire niente è meglio del Barolo chinato.

Da Enoteca Al Calice DiVino a Novara troverai l’abbinamento perfetto per le tue feste.