Il Decanter è un semplice contenitore di vetro o di cristallo dalla forma molto particolare: generalmente è infatti estremamente panciuto in basso e molto stretto nella parte del collo. Le sue origini devono essere ricercate già nell’Impero greco-romano, anche se sarà poi grazie a Venezia e al vetro di Murano che questo particolare contenitore arriverà fino ai giorni nostri. 

L’etimologia della parola “decanter” deriva da “de canto”, ovvero mettere da parte. Questo strumento è infatti utilizzato per “mettere da parte” le due parti del vino: quella solida, ovvero i sedimenti che si formano nel tempo e quella liquida. Inoltre, l’utilizzo del Decanter favorisce l’ossigenazione del vino, permettendo di gustare al meglio tutte le sue fragranze e i suoi sapori.

Decanter vino: le diverse tipologie

Nonostante la forma del Decanter per vino sia piuttosto standard, ad oggi in commercio ne esistono moltissime tipologie, volte a soddisfare i gusti e le necessità di ogni consumatore: a forma di ferro di cavallo, a forma classica, con o senza tappo. Ma ancora, Decanter più fini o dalle forme astratte. In generale però, questi utili strumenti si possono distinguere in due diverse macro-categorie:

  • Decanter dal collo ampio: è la forma ideale per i vini che necessitano di una maggiore ossigenazione, come ad esempio quelli più giovani.
  • Decanter dal collo più stretto: al contrario della precedente, questa forma tende a far passare una minor quantità di ossigeno ed è per questo indicata per i vini più invecchiati.

Come si usa il Decanter

Per eseguire al meglio il processo di decantazione dei vini invecchiati, bisogna seguire alcune importanti regole. Innanzitutto, la bottiglia deve essere stappata quasi in posizione orizzontale ed il suo contenuto versato nel Decanter molto lentamente, senza farlo gorgogliare. Attenzione anche al versamento dei sedimenti: per aiutarti, è concesso l’uso di un colino. Questa operazione è molto importante, in quanto va a determinare la qualità finale del vino. Un vino versato velocemente e senza attenzione, infatti, sprigiona con altrettanta velocità l’ossigeno, rischiando di rovinarsi irrimediabilmente. 

Per quanto riguarda la decantazione dei vini giovani invece, è permesso anche farli scrosciare direttamente nel Decanter. In questo caso l’ossigenazione si attiverà immediatamente, andando ad agire positivamente sulla qualità del vino.

Decanter vino rosso

L’uso del Decanter è particolarmente indicato per i vini rossi moderatamente invecchiati e corposi, in grado di rilasciare profumi e sapori decisi. In questo caso è consigliato aprire la bottiglia in anticipo, così da aiutare la fuoriuscita dell’anidride carbonica.

I vini rossi più giovani invece hanno di norma una minor necessità di essere versati nel Decanter, ma rimane suggerita per conferire al vino un sapore più morbido. Il processo di decantazione è sempre sconsigliato per le bollicine, in quanto andrebbe inevitabilmente ad eliminare la caratteristica frizzante.

Decanter vino bianco

La decantazione del vino bianco è una pratica che appartiene principalmente al passato. Le scuole di pensiero dei grandi sommelier sono divise, ma possiamo affermare che raramente il vino bianco ha bisogno di passare attraverso il Decanter. Anche in questo caso, come per i vini rossi, utilizzare il Decanter per i vini frizzanti è assolutamente sconsigliato.

Come pulire e asciugare un Decanter: consigli per la conservazione

La pulizia degli strumenti di lavoro è un tassello fondamentale per un prodotto di qualità. Dopo l’uso, il Decanter deve essere accuratamente risciacquato e trattato con la massima cura, al fine di conservare intatte tutte le sue caratteristiche. 

Alcuni consigli per pulire il Decanter in maniera ottimale:

  • Vietato mettere il decanter nella lavastoviglie.
  • Non utilizzare i classici saponi per i piatti, rischierebbero di danneggiare la parete della caraffa.
  • Utilizza una mistura di aceto di vino bianco e acqua – non troppo calda o troppo fredda – per pulire l’interno, agitando delicatamente per raggiungere tutti gli angoli.
  • In alternativa, si possono utilizzare anche le perline di acciaio inossidabile, in commercio proprio per la pulizia di oggetti delicati e dalle forme particolari.

Una volta accuratamente lavato, il Decanter deve essere lasciato sgocciolare su carta assorbente e in seguito asciugato delicatamente con un panno in microfibra.

Da Enoteca Al Calice DiVino a Novara e nella nostra enoteca online potrai trovare un’ampia scelta di vini per ogni occasione.