Paride Chiovini: tra vino e Dei dell’antica Grecia

 

Nata nel 1997, quando Paride Chiovini decise di rilevare la piccola attività iniziata dal nonno Isidoro, trae ispirazione per i suoi vini dagli Dei e dagli Eroi dell’antica Grecia.

 

 

L’azienda agricola Paride Chiovini è nata ufficialmente nel 1997, quando Paride in persona decise di rilevare la piccola attività iniziata dal nonno Isidoro e dedicata alla produzione di vino sfuso e di uve per conto terzi. Dopo diversi anni di esperienza in un importante laboratorio di analisi enochimico, Paride ha acquisito le competenze di base che gli hanno permesso di trasformare quello che inizialmente era solo un hobby in un lavoro a tempo pieno. Con il sostegno e l’esperienza dei familiari, Paride Chiovini ha acquistato altri appezzamenti vitati che si sono aggiunti a quelli già di proprietà del nonno.

2016.06.15 Paride Chiovini 2

La ristrutturazione della cantina nel 2009 e l’acquisto delle attrezzature necessarie hanno permesso di svolgere e seguire in totale autonomia tutte le fasi del ciclo produttivo. Con il costante impegno di Paride Chiovini e della famiglia che conduce l’azienda vinicola omonima dal 2004 tre ettari di vigneto tra Sizzano e Ghemme nelle varietà: Nebbiolo (il nome locale è Spanna); Vespolina (detta anche Ughetta), autoctono di bacca rossa del Novarese; Uva Rara (detta anche Bonarda Novarese), anch’essa autoctona a bacca rossa.

2016.06.15 Paride Chiovini 1

I vini dell’azienda vinicola Paride Chiovini traggono ispirazione dagli Dei e dagli Eroi dell’antica Grecia. Hanno personalità inconfondibili e le loro vicende si intrecciano in una radice comune.

paridechiovini.it/

2016.06.15 Paride Chiovini 4 

 

 Vigneto: in comune di Ghemme per 0,30 Ha. Esposizione sud-sud/ovest. Terreno Argillo-Sabbioso a reazione acida

 Vitigno: 100% Nebbiolo

 Caratteristiche organolettiche: colore rosso rubino con sfumature tendenti al granato con l’invecchiamento. Profumo intenso e fine di  lampone e amarena con note di cioccolato e tabacco. Alla bocca è pieno intenso ed avvolgente con tannini morbidi ed equilibrati.

 Abbinamento: primi piatti con ragù robusti, brasato al Ghemme, arrosti di carne rosse, selvaggina, oltre a formaggi stagionati.

 Temperatura di servizio: 20 gradi centigradi.

Add Comment